© Giacomo Cattaruzzi - Unauthorized reproduction is prohibited

 

Gavdos| 2016

 

Fuori dalle rotte, fuori dagli schemi, fuori da una possibile descrizione. Microscopico luogo che si estende tra il mito della Libertà e quello della curiosità geografica (vi si trova il punto più meridionale d'Europa) è stato e continua ad essere l'ultima meta del viaggiatore che ricerca la pace con sé stesso e con la Natura. Un viaggiatore che cerca, trovandola, una libertà tesa tra un cielo senza limiti e il mito della lontananza, dell'assenza, della contemplazione. In questo paradiso popolato di Adami ed Eve (che cercano l'armonia con gli Elementi e che preservano con gentilezza le spiagge e gli ultimi angoli di deserto sabbioso dalla modernità) c'è la distanza da tutto, dal resto del mondo, dalle comodità, e si percepisce il contatto con le essenze più primitive della Natura. Gavdos è selvatica prima che selvaggia (quest'ultima, parola inflazionata ed usata troppo spesso) e chiede di essere visitata vivendola fino al suo midollo, conducendo a luoghi remotissimi, spingendo all'ozio ed alla contemplazione all'ombra di un cedro, per sempre.

1/1
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now